La tua pelle non ha prezzo, è un vero patrimonio da salvaguardare. Ma per farlo nel modo giusto devi, prima di tutto, saper leggere l’etichetta. Questo è un primo passo per comprendere la qualità della protezione solare che stai per acquistare e per capire subito se è adatta a te.
Ecco alcune indicazioni a cui prestare attenzione!

Cosa significa l’acronimo SPF (sun protector factor)?

Il fattore di protezione solare (sun protector factor) indica quanto quel prodotto è in grado di bloccare le radiazione solari dei raggi UVB. Ad esempio una crema solare con SPF 30 permette di ricevere energia solare 30 volte superiore, senza causare eritema, anche se molto dipende dalle ore del giorno e dai tempi di esposizione. Bassa, media, alta e molto alta, la suddivisione deriva quindi proprio dall’SPF.

Per scegliere il filtro solare più indicato alla tua pelle devi anche conoscere il tuo fototipo. Ad esempio se hai capelli capelli castani con pelle moderatamente sensibile una protezione media può andare bene, situazione differente per un bambino con capelli biondi e pelle molto chiara, rientrante quindi nel numero 1 della classificazione, che equivale ad una protezione molto alta.

Una cosa è certa, non esistono protezioni al 100%!

Che differenza c’è tra raggi UVA e UVB?

Gli uva, sono raggi i raggi ultravioletti che penetrano la pelle più in profondità rispetto a quelli UVB, per questo estremamente pericolosi. Secondo le ultime raccomandazioni un solare deve contenere sostanze che permettono un buon rapporto di protezione UVB/UVA.
Quindi bisogna guardare sia all’SPF ma anche verificare che quel determinato prodotto abbia in evidenza la scritta cerchiata che indica la protezione dai raggi UVA, come previsto dal Regolamento europeo sui cosmetici.

Un buon solare è quello che scherma la pelle sia dai primi che dai secondi, entrambi cause scottature, invecchiamento, tumori della pelle e allergie.

Quanta crema bisogna mettere e quando?

Per proteggere al meglio il tuo derma sono necessari circa 30 grammi di prodotto, ma secondo recenti studi sembra invece che se ne fa un consumo tra il 20-25% della quantità raccomandata. Non lesinare, ci si abbronza anche con la protezione!

Inoltre sul prodotto devono esserci anche chiari riferimenti ai metodi di applicazione. La crema deve essere messa più volte al giorno soprattutto dopo aver sudato, essersi bagnati e asciugati.

Ricorda, non esistono schermi che coprono per tutta la giornata.

 

Vuoi proteggerti nel modo giusto?
Approfitta del 30% di sconto sui solari Arval, Collistar e PhitoSun!